Windows XP e la pochezza del wireless (Login/Dominio/Wifi).

E’ impressionante come cose che nel 2007 debbano essere semplicissime in ambiente network, in un ufficio, possano diventare problemi insormontabili… Forse vivo in un mondo felice, ma pensare di usare una scheda wireless come una scheda di rete normale non mi pare così fuori dal mondo… In Ubuntu apro le impostazioni di rete e come configuro staticamente una scheda di rete, configuro allo stesso modo (con qualche parametro in più), una scheda di rete wireless, 2 minuti e mi ritrovo un sistema che, prima di arrivare alla finestra di login, ha già attivato la rete, che sia cablata o senza fili non fa nessuna differenza.
Arriviamo a oggi, dove ho buttato nel cesso 5 ore per non ottenere nulla di elegante o funzionale: rete di un ufficio, server samba per l’autenticazione nel dominio di 8 computer con Windows XP (notate come tengo un comportamento professionale? Sono bravo a non chiamarlo Winsozz, Merdasoft, etc. eh?), per ragioni di comodità penso di portare tutto in wireless, installo la scheda wifi usb e mi ritrovo che il gestore zeroconf di windows è talmente ben fatto che con un segnale del 70% ogni 10 secondi sganciava e riagganciava la connessione, vabbè mi dico, faccio gestire tutto al programmino della scheda… connessione perfetta, una meraviglia, sfrutta quasi tutti i 54mbs disponibili, peccato che il programmino non sia un servizio e non si possa avviare che a login avvenuto, quindi l’autenticazione sul dominio è tagliata fuori…

Quello che mi fa arrabbiare è che un sistema così “user friendly” non abbia la possibilità di dire, non usare zeroconf che fa schifo in certe cose, è una scheda di rete wireless, ok, configurala staticamente e falla partire all’avvio di windows… questo avrebbe risolto tutti i problemi in poco tempo.

Che tristezza, che peccato che il 98% delle aziende abbia gestionali scritti in linguaggi che girano solo su Windows… che tristezza…

Ora mi metterò a cercare una sgamata, chissà se in sourceforge c’è un qualche programmino che si installa come servizio per gestire le schede wireless e permetterne l’utilizzo all’avvio del computer…

Deaf Pedestrians – Hail To The Geek

Ahahah! Ieri sera tornavo a casa dopo essere stato da un cliente e verso le 21 ho sentito questa canzone che mi ha fatto morire.. ahahah! Peccato che in qualche passaggio mi ci sia riconosciuto… ahahha! Proud to be a geek! ^_^ ahahah!

I got a spiderman t-shirt
I got Converse that are rotting off my feet
I got a bad mustache
a reoccurring rash
and not a lot of cash
I spend it on my stash
Man it’s good to be a geek

Well it’s good to be a geek
It’s good to be a creep
It’s good to draw my pictures
that no one will ever see.
It’s good to be a geek
It’s good to be unknown
It’s good I’m never waiting
right beside the telephone
Cuz no one ever…

I play dungeons and dragons
I got a 13th level halfling fighter thief
got seven hit die on my backstab
sometimes you know it’s good to be a geek.
It’s good to be a geek
It’s good to play the freak
It’s good to comb my mullet once every other week
As far as I can see
It’s good to play the Wii
Then stay up painting miniatures til 2 or 3
Cuz no one ever…

Chorus:
Someday I’ll learn to play guitar
Start up a band and be a star
And when you wind up pumping gas
Just fill ‘er up and kiss my a$$…

I’m addicted to Star Trek
I’m a Klingon speaking federation freak
I find I’m more inclined
to spend the bulk of my time
on the starship enterprise
than talking to girls I meet

Well I never get the girl
but I like to be alone
cuz i can always m@sterb@te when there’s no one home
it’s good to have a plan
it’s good to be the man
it’s good to download p0rn0 from a website in Japan
cuz no one ever…

Chorus:
Someday I’ll learn to play guitar
Start up a band and be a star
And when you wind up pumping gas
Just fill ‘er up and kiss my a$$…

Ninth grade is when I got the swirlie
tenth grade is when I got the indian burn
four years of continuous wedgies
wore nine pairs of briefs so they could all get a turn
someday I’ll buy a fancy condo
someday I’ll drive a car that’s more than your house
someday you’ll kiss my a$$

It’s good to make some noise
it’s good to scream outloud
it’s good to feel immortal
like your last name is McCloud
it’s good to be a geek
its good to be unseen
its good to watch the Wrath of Khan on a plasma screen
it’s good to be a geek
it’s good to be the man
it’s good to download p0rn0 from a website in Japan
It’s good to be a geek
It’s good to be unknown
It’s good I’m never waiting
right beside the telephone
Cuz no one ever…

I got a bad mustache
a reoccurring rash
and not a lot of cash
I spend it on my stash
Man it’s good to be a geek
You know I don’t intend
To look like Boba Fett
I got my Holland set
Although it makes me sweat
Man it’s good to be a geek!

Lunga vita e prosperità, genteeeeee!

eMusic.com, meno di iTunes, molto meglio di iTunes

Non ho mai amato “rubare” la musica, ma non ho mai nemmeno amato farmi rubare i soldi dalla tasca, i CD sempre più spesso ragiungono cifre inquietanti, così, da utente Mac iniziai a comprare musica sul negozio virtuale più conosciuto del mondo, quando la EMI inserì il suo catalogo DRM free fui davvero molto contento, un album che normalmente avrei pagato quasi 20€ ora lo pagavo quasi 10€, un bel risparmio, supportavo comunque gli artisti e mi svenavo di meno, qualche anno fa, per placare la mia sete di musica, avevo poi trovato Jamendo, scoprendo band davvero brave (come All My Faults, Anamnesia, Mortad Hell, Nosphares, Scold, Ghord, Amnesia, David TMX, Dystimia, Ojos de Lobo e una marea di altre) che distribuivano sotto Creative Commons e gratuitamente i loro album attraverso il portale, ma non bastava, due giorni fa, non ricordo nemmeno come, sono entrato in contatto con eMusic, un negozio on line, che pare esistere dal 2002, che offre un servizio davvero di qualità, questioni di fede a parte (il software, alla iTunes, per scaricare la musica acquistata è multipiattaforma e open source!), ha un catalogo piuttosto vasto e le canzoni costano dai 21 ai 30 centesimi l’una (di fatto ti fai un album intero di 10 canzoni a 3 euro, non male, eh?), io ho trovato di tutto e di più (At The Gates, bauhaus, Iced Earth, Sentenced, Isis, Neurosis.. solo per rimanere nel reparto hard! ^_^), il servizio è molto comodo e semplice da usare, il download delle canzoni è veloce, le canzoni sono tutte DRM Free, anche quelle che in iTunes trovi ancora protette, gli MP3 sono encoded a una qualità alta, si trovano molte label piccole che non si trovano nemmeno in iTunes e solo per la prova gratuita, ricevi 25 canzoni da scaricare a gratis da tutto il catalogo, canzoni che poi ti rimangono.. un piccolo dono! ^_^
Ovviamente c’è anche un lato negativo, nulla è perfetto, ma per la musica che ascolto io, spesso fuori dalle major, non è un problema, nel catalogo, almeno finchè non apriranno al DRM Free, mancano le grosse Label, tipo Sony, Universal, etc… quindi niente Madonna o Micheal Jackson… bhe! Non li avrei acquistati comunque! ^_^

Pubbliche scuse e capo cosparso di cenere

Ragazzi, ho fatto un errore madornale, ho fatto confusione con gli orari e oggi (27 Settembre 2007) non riesco a essere alle 15 in lab per l’esame (Infatti ci sono ora che sono le 11, mi sono messo in testa che l’esame fosse alle 10 e non ho più controllato), mi dispiace tantissimo, se vi vanno bene verbalizzo i voti che vi avevo proposto per la tesina.

Mi scuso ancora.

Welcome back home.

E’ successo, come scrivevo in Un Anno di Mac ormai ero sempre più propenso a tornare nella casa del pinguino anche sul macbook, dopo un anno e un mese di uso di Mac OS X il passaggio è avvenuto, sul mio Macbook ho ormai in pianta stabile (anche se parliamo di una release Alfa) una bella Ubuntu Gutsy completamente funzionante (a onor del vero mi manca di testare la webcam e il microfono), quando scrivo completamente intendo compreso di sospensione funzionante, wifi, trackpad (anche meglio che nell’orignale sistema di cupertino, la per il click di destra dovevo usare la combinazione CTRL+Click, in ubuntu mi basta tappare con un dito per il click sinistro, due dita per il click destro e tre dita per quello centrale (sempre senza perdere la comodissima, non per Matte ;-), possibilità di scrolling orizzontale e verticale con le due dita).
Ovviamente nessun problema con il comparto grafico, già dal live cd ubuntu aveva rilevato correttamente la scheda video e usato sia la risoluzione 1280×800 che i driver 3d con compiz attivato di default (poi visto che sono ‘gnorante dentro, ho installato il configuratore avanzato di compiz per attivare tutti i plugin più fighi e inutili! ^_^).
Il mio desktop. Metacity personalizzato
Altra nota spettacolare (per me) è il fatto che non sono più legato a una pesante e aliena macchia virtuale con win dentro per fare girare gli unici due programmi per windows che mi servono per lavoro (programmazione degli impianti domotici per la Crestron), le ultime due release di wine, opportunamente configurate, fanno girare i programmi come fossero nativi, con pieno supporto per la seriale (ieri ho acquisito i codici IR di un telecomando per un lavoro ed è stato davvero soddisfacente non dover aspettare i tempi di una macchina virtuale).
Questa soluzione con wine mi permette anche di fare una cosa molo carina, avendolo ora ben configurato tutto (grazie a ies4linux e wine-doors una cosa di 20 minuti compresi i dowload), posso tranquillamente copiare su cd la cartella .wine nella mia home e avere sempre degli snapshot backuppati e sempre funzionanti (senza dover nuovamente sprecare 20 minuti per riconfigurare il tutto, comodo no?).