Sigh….

agosto 4, 2008

Ahahahah! Sono incappato nella miglior definizione che abbia mai trovato sulla musica dei Sigh.. calza davvero a pennello: “I Sigh con il loro metal estremo (un pò black, un pò settantiano, un pò quello che capita) sono come un lampo di luce in una scena asfittica: Mirai Kawashima ci fa sapere qualcosa in più su di loro…”


Mourn (Swan Lake)

agosto 2, 2008

Secondo pezzo dell’album… l’ho finito di comporre oggi… ora parte l’arrangiamento e Manu che lavorerà sulle voci.. ^_^ sono soddisfatto, strano a dirsi.. ma vedo miglioramenti nelle mie composizioni e questo mi rende felice.. ^_^ il pezzo è un ossessivo bestione di 14 minuti.. per quanto sia stato veloce da buttare giù (impratichendomi nell’arrangiamento, divento più veloce anche nella composizione… interessante! °_°), non lo è stato dal punto di vista personale.. ma erano alcuni dei rumori che sentivo nella pancia… alcuni di quelli più pesanti, laceranti.. il pezzo è dedicato a un amico… e anche questo non ha reso la gestazione semplice… diciamo.. veloce, ma non indolore! =_= Sono contento di essere passato dalla passività dell’esecuzione, all’attività della composizione… buttare fuori i miei rumori interiori è davvero.. hmmm! … molto terapeutico! ^_^
Spero di vedere altri miglioramenti anche nel prossimo pezzo.. “First Letter”, in testa ho già tutta la struttura.. devo solo mettermi giù a scriverla… non vedo l’ora di vedere pubblicato l’album! ^_^

Ah! Grazie Ricky! ^_^ Senza il mio maestro e arrangiatore preferito, non sarei ancora riuscito a liberare nessuna delle stringhe sonore contorte nella mia pancia.. sei prezioso! ^_^


Korpiklaani – Journey man

luglio 11, 2008

Divertentissimi… davvero energetici… il meglio che ci si possa aspettare dalla fusione di metal, folk e humppa… Anche i Finntroll affondano le loro radici nel folk Finlandese, ma la musica dei korpiklaani è davvero qualcosa che rende impossibile stare fermi… e giù a fare legna, con tanta birra e tanta voglia di fare baldoria con gli amici! ^_^

FREE! FREE! As a journey man,
FREE, heath in the moonlight!


London After Midnight – Shatter (Live)

luglio 6, 2008

Davvero bravi, forse la loro ultima svolta può aver fatto storcere il naso a qualche purista, ma li ritengo sempre una grande band e una delle scoperte che sono felice di aver fatto… bellissima questa Shatter, da un loro vecchio album.. morbosa al punto giusto.. un concentrato di Goth nella sua forma migliore (ovvio ci saranno sempre detrattori, giustamente non a tutti deve piacere tutto! ^_^ Ma sembra proprio che la creatura di Sean Brennan, o la si ama o la si odia! ^_^ Proprio come le cose migliori in questo mondo.)


I’m not alive – God (2.6.24-15-rt)

giugno 18, 2008

Per il momento li ascolto solo io… ma si faranno conoscere.. che dite? ^_^


DAW

marzo 4, 2008

And finally… my own DAW! Già, finalmente sono riuscito a mettere su la mia Digital Audio Workstation… sinceramente, grazie ad ubuntustudio, non è stato nemmeno difficile, l’ho installata nel mio vecchio (bhe! non troppo, avrà un anno e mezzo) Macbook Bianco (yang)… Già, dopo un po’ di indecisione su quale hardware usare per la mia DAW, mi sono accorto che il mio nuovo MacBook Nero (yin) era già perfetto e completo per il mio lavoro, fino ad ora usavo i due portatili per lavori diversi, ma ho poi valutato che yin, avendo Parallels Desktop, un buon quantitativo di RAM e un disco da 160GB, mi permetteva tranquillamente di avere un sistema UNIX per le faccende e i lavori (programmazioni, networking…) di tutti i giorni e un windows in emulazione per le programmazioni di Domotica (che purtroppo sono ancora legate a questo OS, con Crossover Office ho ottenuto dei buoni risultati, ma i programmi erano un po’ instabili.. a questo punto ho dovuto ripiegare sull’emulazione!), era perfetto per essere l’unico sistema per il lavoro, a questo punto mi sono trovato con un buonissimo hardware per la mia DAW (delirio, vero? Come sempre cambio il mondo che mi circonda a una velocità spaventosa, sempre in cerca della perfezione… la mia ex mi diceva sempre che non riuscivo mai a stare fermo con i computer, sempre a installarli, reinstallarli, cercare il setup migliore, mai contento… vero… incomprensibile… faccio fatica a tenermi a freno… bhe! Piano piano, però, inizio anche a piacermi, capirmi, accettarmi… e anche qui… che fatica! ^_^).
Ubuntu Studio ha già il kernel real time installato e pure troppe applicazioni audio, su tutte: QJackCTL, Hydrogen, Rosegarden e l’ottimo Ardour, l’unico punto in cui mi sono trovato spaesato è stato come configurare la mia M-Audio Fast Track per l’uso con Jack, ma grazie a Google, il problema l’ho risolto in pochi minuti (e non ho dovuto compilare alsa… mi vedeva già tutto, sia la scheda interna che quella esterna! ^_^).
Ora ho modo di mettere su disco, finalmente, i pezzi che da un po’ mi frullano in testa, sto studiando più a fondo il mio amato basso (insieme alla musica, agli arrangiamenti e alla composizione… piano piano! ^_^), ero stanco di sentirmi un limitato autodidatta e, grazie a Riccardo, inizio a intravedere una luce anche nel mondo, vastissimo, dell’armonia (che fatica! ^_^).

… Pronti per gli I’m not alive? … proprio sicuri? ^_^ Stay tuned… (che botta di banalità! O_O)


God is an Astronaut … indeed!

febbraio 20, 2008

Atmosferici, rarefatti, mai banali… davvero da scoprire questi God is an astronaut, io mi sono lasciato convincere da uno dei consigli settimanali di emusic.com e posso dire con certezza di non essere pentito.. anzi! E’ davvero bello conoscere band nuove di questo calibro…