Avviare uno script quando si verifica l’evento di connessione alla rete.

febbraio 24, 2008

Mi stavo chiedendo se ci fosse un modo di collegarmi a un server samba, col portatile, ogni volta e solamente, se la connessione è attiva, uno script che monti il file system remoto solo quando effettivamente è disponibile… non ho trovato gui per questo, ma la soluzione è talmente semplice che non credo proprio possa essere un problema, il tutto parte dall’usare un piccolo script in una cartella ben determinata, tutto quello che è contenuto in /etc/network/if-up.d viene eseguito quando l’interfaccia (una qualsiasi, ci sono modi per limitare solo a certe interfacce) di rete è attiva e la rete collegata, lo script che fa al caso mio è invece:

#!/bin/sh

/bin/mount -t cifs -o password=unapasswordacaso //10.0.1.1/iomega\ Disk /mnt/iomega

Mentre per smontare nel momento giusto (può richedere la forzatura), creare uno script eseguibile in /etc/network/if-down.d:

#!/bin/sh

/bin/umount -f /mnt/iomega

Tip per evitare un piccolo bug nei driver wifi del macbook

novembre 7, 2007

mettendo (disabilita bgscan):

iwpriv ath0 bgscan 0

in /etc/rc.local non ho più il problema che ogni tanto si disconnetteva il wifi con questi errori in dmesg:

 wifi0: rx FIFO overrun; resetting

speriamo però che in futuro non ci sia bisogno di questo piccolo hack!


Windows XP e la pochezza del wireless (Login/Dominio/Wifi).

settembre 28, 2007

E’ impressionante come cose che nel 2007 debbano essere semplicissime in ambiente network, in un ufficio, possano diventare problemi insormontabili… Forse vivo in un mondo felice, ma pensare di usare una scheda wireless come una scheda di rete normale non mi pare così fuori dal mondo… In Ubuntu apro le impostazioni di rete e come configuro staticamente una scheda di rete, configuro allo stesso modo (con qualche parametro in più), una scheda di rete wireless, 2 minuti e mi ritrovo un sistema che, prima di arrivare alla finestra di login, ha già attivato la rete, che sia cablata o senza fili non fa nessuna differenza.
Arriviamo a oggi, dove ho buttato nel cesso 5 ore per non ottenere nulla di elegante o funzionale: rete di un ufficio, server samba per l’autenticazione nel dominio di 8 computer con Windows XP (notate come tengo un comportamento professionale? Sono bravo a non chiamarlo Winsozz, Merdasoft, etc. eh?), per ragioni di comodità penso di portare tutto in wireless, installo la scheda wifi usb e mi ritrovo che il gestore zeroconf di windows è talmente ben fatto che con un segnale del 70% ogni 10 secondi sganciava e riagganciava la connessione, vabbè mi dico, faccio gestire tutto al programmino della scheda… connessione perfetta, una meraviglia, sfrutta quasi tutti i 54mbs disponibili, peccato che il programmino non sia un servizio e non si possa avviare che a login avvenuto, quindi l’autenticazione sul dominio è tagliata fuori…

Quello che mi fa arrabbiare è che un sistema così “user friendly” non abbia la possibilità di dire, non usare zeroconf che fa schifo in certe cose, è una scheda di rete wireless, ok, configurala staticamente e falla partire all’avvio di windows… questo avrebbe risolto tutti i problemi in poco tempo.

Che tristezza, che peccato che il 98% delle aziende abbia gestionali scritti in linguaggi che girano solo su Windows… che tristezza…

Ora mi metterò a cercare una sgamata, chissà se in sourceforge c’è un qualche programmino che si installa come servizio per gestire le schede wireless e permetterne l’utilizzo all’avvio del computer…


Moon Secure

settembre 27, 2007

Come recensito in ossblog.it, sembra davvero promettente, un bell’antivirus open source (quindi senza sorprese) e con il real time access, domani lo provo in ufficio, vi saprò dire se non è troppo pesante!


Telnet per tutti

agosto 14, 2007
Probabilmente nelle installazioni che vi capiterà di fare avrete bisogno di dialogare (vuoi per diagnostica, vuoi per mantenimento) con dispositivi che accettano connessioni telnet, ecco una guida interessante, trovata sul web, su cos’è e come gestire telnet (utilizzabile anche attraverso le librerie telnet di qualsiasi linguaggio di programmazione… solo ricordate di leggere le risposte della console telnet prima di inviare i comandi! ^_^)

Lezioni Telnet.


Rendere permanenti le modifiche a iptables e l’ip forwarding

agosto 14, 2007

N.B. Attenzione, sembra che queste istruzioni siano valide per lo meno per Ubuntu 7.04 e 6.10, non le ho provate sulle precedenti e su 7.10 Gutsy, vedere il primo commento per altre istruzioni forse mirate a gutsy

Questo è più un appunto personale che una vera notizia del blog, cmq per rendere permanenti le modifiche atte ad attivare il masquerade su una macchina debian based:

per rendere definitivo il comando:
echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward
scrivere nel file /etc/network/options la riga: ip_forward=yes

per rendere permanente un comando su iptables del tipo:
iptables -t nat -A POSTROUTING -j MASQUERADE
scrivere il comando in questione nel file /etc/network/if-up.d/iptables